VILLA PALATINI 

La Storia

 

Villa Palatini è adagiata sulle colline di San Fris, con splendida vista panoramica sul vicino centro storico di Ceneda. 
Il complesso si colloca su un leggero declivio con l’edificio padronale posto al centro di un giardino sopraelevato con vera da pozzo, cui si accede da una scalinata con pilastri in pietra e statue in sommità, delimitato lateralmente da una coppia di barchesse identiche poste a un livello inferiore. Una scalinata laterale conduce a un pregevole oratorio consacrato posto a nord del lotto e dedicato a sant’Osvaldo, annoverato tra quelli pubblici della parrocchia della Cattedrale e, tuttavia, appartenente alla famiglia Palatini. 
I Doglioni commissionarono la costruzione della villa e della cappella nel 1721. La nobile famiglia dei Palatini, tuttora proprietaria del complesso, ne venne in possesso solo nel 1821, dopo i Bigontini. 
L’edificio padronale consta di un volume su due piani più sottotetto il cui fronte principale, così come quello retrostante seppure più semplice, è suddiviso in tre porzioni verticali. La parte centrale, leggermente aggettante, presenta: al piano terra un portale a tutto sesto con conci in pietra e chiave d’arco con mascherone; al piano nobile, un’originale trifora anch’essa decorata con mascheroni in chiave d’arco e sovrastata da una semplice trabeazione sostenuta da mensole, che lascia intuire una suddivisione interna a schema classico con salone passante e sale laterali; nel sottotetto un cornicione modanato e finestrelle con interposta una decorazione a stucco riportante l’anno di costruzione della villa e i riferimenti al casato dei Doglioni. Le barchesse si sviluppano per il solo piano terra con pianta rettangolare e copertura a padiglione. La chiesetta mostra un portale d’ingresso sormontato da finestra termale e delimitato da paraste angolari reggenti un timpano, oltre il quale si scorge un originale campanile a vela. All’interno della chiesa, la cui copertura lesionata è stata completamente rifatta in tempi recenti, è collocato un ricco altare con la statua in pietra di sant’Osvaldo circondato da un portale timpanato con angeli in sommità. 
Gli ambienti interni alla villa possiedono uno stile sobrio e raffinato: al piano terra lastre in pietra dell’epoca impreziosiscono l’androne d’ingresso e un “larin” scalda la cucina, mentre al piano nobile, al quale si giunge mediante due portali a tutto sesto in pietra con chiave d’arco, si trovano pavimenti in terrazzo e delicate decorazioni floreali alle pareti. Il sottotetto è caratterizzato da capriate a vista. 
La villa è adibita a residenza e accoglie eventi culturali e mondani solo previo accordo con la proprietà.

Apertura al pubblico

Barchesse e annessi

Esterno parco 

 

Note : Su prenotazione si possono visitare la cappella e il parco 

INDIRIZZO : Via Montebello 38 , Vittorio Veneto (TV)

e-mailpalatini@unipd.it 

 

 

3 + 11 =

ENTRA NEL SITO WEB DELLA VILLA